Corso di Astronomia insolita e curiosa

Telescopio-astronomia-ColonaUn corso innovativo ed emozionante per scoprire le bellezze dell’Astronomia.

> Iscrizione sempre aperta: si tratta di un ciclo di conferenze, pertanto è possibile iscriversi al corso anche già iniziato, ad un prezzo ridotto.

> È anche possibile seguire le singole conferenze al prezzo di 15 euro (trovi l’elenco dei titoli sotto)

Il corso si può acquistare insieme agli altri corsi in calendario per avere sconti cumulativi.

Inzio corso: lunedì 24 settembre 2018.

Una raccolta delle più curiose e interessanti nozioni, raramente divulgate al pubblico, ci rivelerà aspetti insoliti del cielo e della scienza che lo studia. Vedremo i record del cielo, le idee più innovative della storia dell’Astronomia, gli esperimenti più audaci mai fatti e quelli che si possono ripetere anche a casa. Scopriremo così che anche noi possiamo ripetere le imprese dei grandi astronomi. Il corso fa parte della Scuola di Astronomia (vedi qui gli altri corsi).

Ogni incontro del corso si arricchirà di contenuti attingendo a tre filoni principali, tutti estremamente utili per rendere più comprensibile e appassionante la materia.

1. Storia dell’AstronomiaTerra-sferica
Il modo migliore per comprendere qualcosa è conoscerne la storia: vedremo chi e in che modo (il più delle volte straordinario) ci ha portati alle attuali conoscenze sul cosmo. Resteremo meravigliati di fronte all’interesse per l’Astronomia che emerge dai miti e dai libri antichi, e dagli incredibili risultati a cui arrivarono gli astronomi più di duemila anni fa. Ma risponderemo anche a tante altre domande: quali scoperte sensazionali alla sua portata si è fatto sfuggire Galileo? Quale è stato (sempre lo stesso fin dall’Antichità!) il peggior nemico dei cosmologi? Chi ha tentato per primo di stimare la distanza delle stelle? Qual è lo strumento essenziale della moderna indagine astronomica? Chi è stato il primo astronomo? (E cosa scoprì?)…

FB_IMG_14986445218792. Le mani sull’Astronomia
“Hands on” è un modo di dire inglese che indica l’esperienza diretta di una materia, ed è quello che faremo noi, vedendo quante osservazioni ed esperienze si possono realizzare anche con pochi mezzi a casa propria o in aula (il corso è di grande interesse per i docenti!) Tra le proposte di esperimenti da fare in casa: replichiamo i colori del cielo di giorno e al tramonto, misuriamo l’ellitticità dell’orbita terrestre, stabiliamo i periodi dei satelliti di Giove (ad occhio nudo!), realizziamo un orologio solare (e usiamolo per determinare la nostra longitudine). Inoltre vedremo gli elementi fondamentali della didattica dell’astronomia (e delle scienze in generale) e un metodo efficace per insegnare l’astronomia.

Saturn Hexagon3. Astronomia insolita e curiosa
Anche chi conosce bene la materia resterà sorpreso da certi aspetti dell’Astronomia a cui di solito non si pensa. Scoveremo le curiosità più sorprendenti relative agli astri e al loro studio. È vero che si possono vedere le stelle di giorno osservando dal fondo di un pozzo? Si può assistere a due tramonti nello stesso giorno? Come fanno a brillare le protostelle che non hanno ancora innescato le reazioni nucleari? Quante Lune al quarto servono per eguagliare in luminosità una Luna piena, e perchè? Di che colore è realmente il Sole (e le stelle)? Quanto è facile stabilire l’età dell’Universo? Perchè le stelle scintillano (e i pianeti no)? Di quali astri riusciamo a vedere l’ombra?

Durante il corso ci divertiremo con gli aneddoti più divertenti (tragicomici o goliardici) occorsi agli astronomi e resteremo leggeri passando in rassegna qualche recente strafalcione astronomico gentilmente offerto dai mass media.

Terra-LunaQuesti i titoli delle otto conferenze
(a partire da lunedì 2 ottobre), con un breve elenco di alcuni temi che verranno trattati:

1 – I Record dell’Astronomia: le distanze 
Le distanze dei corpi celesti e la dimensione dell’Universo hanno caratteristiche assolutamente straordinarie. Con molti esempi vedremo quanto è vero quello che affermava Edgar Allan Poe al riguardo. Ma scopriremo anche che l’universo è “vuoto” praticamente a tutte le scale, dall’atomo ai superammassi di galassie, fino a comprendere il senso dell’affermazione del premio Nobel Kip Thorne citata da Asmimov: “Se desideriamo conoscere quali condizioni vigano in un buco nero, non dobbiamo fare altro che guardarci attorno”.

2 – I Record dell’Astronomia: masse e dimensioni
Il parametro che più di ogni altro governa la varietà e l’evoluzione dei corpi celesti è la massa. Incontreremo gli oggetti più leggeri e più pesanti dell’Universo, le stelle più luminose e più gigantesche, e quelle con gravità così intensa da trasformare in micidiali esplosioni atomiche l’impatto di qualsiasi oggetto che ci cada sopra, anche di un bicchier d’acqua. Rifletteremo sul fatto che la maggior parte delle stelle più vicine al Sole è così debole da essere invisibile ad occhio nudo, e che il primo articolo riguardante i buchi neri risale alla seconda metà del Settecento.

3 – Le magie dell’atmosfera
Vedremo alcuni incredibili effetti dell’atmosfera terrestre, fra miraggi, arcobaleni senza pioggia e immagini doppie del Sole e della Luna. Parleremo del raggio verde e di come osservarlo non soltanto sul Sole ma anche su Venere e su Siro insieme al “raggio rosso”. Ricorderemo anche un curioso caso di amnesia collettiva per cui, alla fine del Settecento, si temette che il ben noto e naturale scintillio delle stelle fosse un evento recente causato dal consumo industriale di carbone! E infine spiegheremo in che modo si può assistere ad un tramonto DUE VOLTE nella stessa sera!

Australian Star Trails - Lincoln Harrison4 – I Colori del cielo
Quali sono le stelle più colorate? Come si osservano meglio i colori delle stelle? Qual è il loro significato? Perchè esistono stelle di praticamente ogni colore (compreso il rosa!) ma non verdi? I buchi neri sono realmente neri? E se no, di che colore sono? E perché la Luna, che è un corpo scurissimo, ci appare invece brillante come l’argento? Tra leggi fisiche ed osservazioni astronomiche eccezionali (compresa la curiosissima stella che appartiene alla classe spettrale O, la più “blu” che esista, che invece appare gialla!) impareremo tutto quello che c’è da sapere sui colori del cielo!

5 – Le luci del cielo
La luce è stato il primo (ed è ancora il più importante) messaggero che ci raggiunge dagli astri e su cui si basa l’astronomia. Cosa rende luminosi gli oggetti celesti? Cosa possiamo imparare dalla loro luce? Come facciamo a scoprire oggetti che non emettono luce? Ci occuperemo anche di casi bizzarri: perché la Luna piena è 11 volte più luminosa rispetto a quando è illuminata per metà? E perché appare così splendente pur essendo in realtà scurissima? Di quali astri riusciamo a vedere l’ombra per terra? E quali astri non vediamo più dall’Italia a causa dell’inquinamento luminoso? Non mancherà un cenno alla materia che non emette luce: dalla massa mancante alla Materia Oscura

6 – L’audacia degli astronomi (Storia della cosmologia)
Chi è stato il primo astronomo? (Ne sappiamo il nome!) Cosa lo ha spinto ad osservare il cielo? E cosa ha scoperto? Come abbiamo visto in alcune lezioni precedenti, l’Astronomia ha successo quando ti dice che l’universo non è come te lo aspettavi: alcuni astronomi sono stati capaci, nei secoli, di smentire le concezioni correnti e mostrare come sia fatto in realtà il cosmo, affermando idee audaci (se non rivoluzionarie!) e dimostrando che erano vere. Le vedremo, insieme a tanti colpi di genio di astronomi totalmente in anticipo rispetto ai loro tempi.

Monaco Flammarion7 – La fortuna degli astronomi
La fortuna aiuta gli audaci, si dice: in questa conferenza gli audaci sono gli astronomi, e la fortuna è quella circostanza che ha permesso ad alcuni di loro di fare scoperte fondamentali e del tutto inaspettate (oltre che, in alcuni casi, di salvare la propria vita!) Alle scoperte casuali e fortunose, e alle peripezie che molti astronomi hanno affrontato per riuscire nelle loro imprese, si affiancheranno anche episodi di grande spirito da parte degli scienziati, con alcuni clamorosi pesci d’aprile che fanno parlare ancora oggi.

8 – A scuola di astronomia (didattica dell’astronomia)
Imparare l’astronomia può essere straordinariamente piacevole se si utilizzano alcuni metodi che illustriamo stasera! Vedremo come è facile fare, senza nemmeno usare un telescopio, osservazioni fondamentali: dai satelliti di Giove alla determinazione dell’orbita ellittica della Terra (nozioni che hanno cambiato la storia dell’astronomia), insieme ad esperienze semplici e sorprendenti che si possono fare in casa come costruire una meridiana con uno specchio od osservare le eclissi di Sole con un mestolo. Ci divertiremo infine a scorrere i più diffusi luoghi comuni sbagliati sull’astronomia e le notizie astronomiche più stravaganti date dai mass media.

Informazioni logistiche.
Gli incontri del corso si terranno nella sala conferenze di San Gregorio Barbarigo all’EUR (Via Laurentina, angolo Via delle Montagne Rocciose, davanti alla stazione Laurentina della metro B) tutti i lunedì sera dalle ore 21 alle ore 22.30 da lunedì 24 settembre 2018 a lunedì 19 novembre.
This artist’s impression of the distant galaxy SMM J2135-0102 shows large bright clouds a few hundred light-years in size, which are regions of active star formation. These “star factories” are similar in size to those in the Milky Way, but one hundred times more luminous, suggesting that star formation in the early life of these galaxies is a much more vigorous process than typically found in local galaxies.Il costo di partecipazione è di 130 euro ma, fino a 10 giorni prima dell’inizio, la quota è di 110 euro e ulteriori riduzioni (fino a 83 euro) sono previste in caso di acquisti di più corsi. Sono previsti anche ulteriori sconti: per minorenni, per chi ha già seguito un corso dell’Accademia delle Stelle, per i Soci UAI e per i lettori di Coelum; scrivere a eventi@accademiadellestelle.org per ricevere il coupon di sconto.

NB le riduzioni per l’acquisto in anticipo, per l’acquisto di più corsi e per l’aver già seguito un corso (o essere socio UAI o lettore di Coelum) sono tra loro cumulative.
Altri dettagli sulla pagina dei corsi di astronomia.

Ci si può iscrivere al corso anche dopo che è iniziato, usufruendo di prezzi ridotti (calcolati in automatico dal modulo d’ordine). È possibile pure seguire una singola lezione previa prenotazione al costo di 15 euro.

Per informazioni: email eventi@accademiadellestelle.org, telefono  3497245167.

~ • ~ • ~ • ~ • ~ • ~ • ~
Vedi tutti gli altri corsi di Astronomia dell’Accademia delle Stelle.
~ • ~ • ~ • ~ • ~ • ~ • ~

2 risposte a Corso di Astronomia insolita e curiosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *